63^ ADESIONE DI UN COMUNE ITALIANO AL PARTENARIATO DEL SANTUARIO PELAGOS: BOGLIASCO (GE)

 

 

IL COMUNE DI BOGLIASCO (GE) SOTTOSCRIVE LA CARTA DI PARTENARIATO “PELAGOS”

Venerdì 27 maggio, alle ore 17.30 presso la sede del prestigioso Club Nautico Bogliasco, si terrà la cerimonia ufficiale di sottoscrizione della Carta e consegna della bandiera del Santuario Pelagos, che il Comune di Bogliasco, in virtù del suo impegno, potrà esporre sul proprio territorio.

 

Alla cerimonia interverranno:

Luca Pastorino, Sindaco di Bogliasco

CV (CP) Aurelio Caligiore, Comandante del R.A.M. - Reparto Ambientale Marino del CC.PP. – Guardia Costiera

Giorgio Fanciulli, Direttore consorzio di gestione Area Marina Protetta del promontorio di Portofino

Corrado Giovanni Michele, Presidente consiglio amministrazione del Consorzio

 

In vista della cerimonia, il Sindaco di Bogliasco Luca Pastorino ha dichiarato: “L’adesione di Bogliasco alla Carta di Partenariato “Pelagos” è un passo importante, un’occasione per partecipare e contribuire attivamente alla protezione dei mammiferi marini del Santuario Pelagos, consolidando tre punti cardine: la tutela del mare, la valorizzazione del territorio e della biodiversità. La bellezza del nostro mare è un patrimonio che va salvaguardato, anche per dare slancio allo sviluppo di un turismo sostenibile che attrae sempre più persone ed è una risorsa economica rilevante per Bogliasco e per tutta la Liguria. Promuoveremo iniziative pedagogiche rivolte alla sensibilizzazione sui temi del mare e del Santuario Pelagos”.

 

Notizie ARPAT del 16/05/2016

 

Visite guidate alla scoperta di delfini e balene con il Parco di San Rossore e il CE.TU.S

 

 

È partito nell'estate del 2015 il progetto "Delfini e balene dei nostri mari" promosso dall'Ente Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli in collaborazione con il CE.TU.S (associazione no-profit specializzata nella ricerca dei cetacei). Sono state organizzate in via sperimentale, nel 2015, 10 escursioni effettuate a bordo di un catamarano nel Mar Mediterraneo ed in particolar modo all'interno della porzione del Santuario Pelagos dove vive il maggior numero di delfini costieri, denominati Tursiopi. Il Santuario è una zona marina di 87.500 km² che nasce da un accordo tra l'Italia, il Principato di Monaco e la Francia per la protezione dei mammiferi marini che lo frequentano.

L'iniziativa dello scorso anno, realizzata nel periodo tra giugno e settembre, ha visto la partecipazione di circa 90 persone tra cui 15 bambini. L'esperienza unica di esplorare e osservare i delfini nel loro ambiente naturale e la grande professionalità del team di biologi, che durante le escursioni impartivano spiegazioni particolareggiate sul comportamento e sulle caratteristiche dei delfini e delle balene, hanno fatto sì che l'evento abbia riscosso un notevole successo.

 

 

Il Parco di San Rossore, quindi, ha deciso di riproporre anche per l'anno 2016, sempre in collaborazione con il CE.TU.S, il progetto "Delfini e Balene dei nostri mari" raddoppiando il numero di escursioni in mare con previsione di sosta nei punti più suggestivi e interessanti che hanno affascinato i visitatori lo scorso anno.

  

Sono state programmate 20 escursioni da aprile a settembre, nelle seguenti date:

  • Aprile nei giorni 9-16-23-30
  • Maggio nei giorni 14-21-28
  • Giugno nei giorni 4-18-25
  • Luglio nei giorni 2-9-23-30
  • Agosto nei giorni 9-15-22-27
  • Settembre nei giorni 3-10

Ogni singola escursione avrà una durata di circa 7 ore, la partenza è fissata per le ore 9,15 presso il porto Turistico della Madonnina in Piazza Palombari dell'Artiglio a Viareggio (LU), con rientro alle 16,30-17,00 circa.

Per ulteriori informazioni, prenotazioni e costi è possibile inviare una mail al seguente indirizzo di posta elettronica: delfini@sanrossore.toscana.it

 

Informazioni e pubblicazione al link:

http://www.arpat.toscana.it/notizie/notizie-brevi/2016/visite-al-santuario-dei-cetacei-con-il-progetto-delfini-e-balene-dei-nostri-mari

 

Si comunica l’avvenuta adesione al Partenariato del Santuario Pelagos di 3 nuovi Comuni Italiani: 

  • Bogliasco (GE)
  • Sassari (SS)
  • Follonica (GR)

 Con tali adesioni viene raggiunto il numero di 65 Comuni aventi aderito (di cui 5 non aventi rinnovato l’adesione), su 111 totali della Parte Italiana all’Accordo, pari al 59 % dei Comuni Italiani ricadenti lungo i litorali del Santuario Pelagos: in dettaglio, hanno aderito, per ognuna delle 3 Regioni interessate:

  • LIGURIA: 34 Comuni aderenti su 63 aventi diritto, pari al 54 % su scala Regionale
  • TOSCANA: 20 Comuni aderenti su 35 aventi diritto, pari al 57 % su scala Regionale
  • SARDEGNA: 11 Comuni aderenti su 13 aventi diritto, pari al 85 % su scala Regionale

 Si porge il benvenuto ai Comuni di Bogliasco (GE), Sassari (SS) e Follonica (GR) nel novero dei Comuni Italiani aderenti al Partenariato del Santuario Pelagos!

 

 

SANTUARIO PELAGOS, VELO: ITALIA ADERISCE A INIZIATIVA “AMBASCIATORE PELAGOS”

 

Sottosegretario Velo: “Un altro passo in avanti per la tutela del mare e per la promozione di comportamenti virtuosi tra la popolazione”

 

Roma, 6 maggio 2016 – Anche l’Italia aderisce all’iniziativa “Ambasciatore Pelagos”. A renderlo noto, il Sottosegretario all’Ambiente, Silvia Velo.

Si tratta di un progetto – come ha spiegato Velo – che nasce nel quadro dell’accordo per il Santuario Pelagos, l’area marina istituita a difesa dei cetacei secondo un accordo firmato nel 1999 tra Italia, Francia e Principato di Monaco.

L’iniziativa “Ambasciatore Pelagos”, prevista da una specifica raccomandazione del Comitato Scientifico e Tecnico dell’Accordo e a cui hanno aderito già la Francia e il Principato di Monaco, è rivolta in particolare ai diportisti, agli utenti del mare e a tutti coloro che intendono impegnarsi nella protezione dei mammiferi marini nel Santuario e nel Mediterraneo.

Aderendo ad “Ambasciatore Pelagos” – ha continuato Velo – i destinatari potranno sviluppare azioni individuali e collettive per preservare le specie di cetacei presenti nel nostro ambiente marino.

Un impegno importante - ha concluso Silvia Velo – che consentirà a ognuno di noi di trasmettere i valori sostenuti dal Santuario e di promuovere comportamenti virtuosi e responsabili a difesa del mare in tutta la cittadinanza”

Tutte le informazioni per diventare Ambasciatore Pelagos sono disponibili sul sito www.santuario-pelagos.org, al link: http://www.sanctuaire-pelagos.org/It/?option=com_rsform&formId=5

   

progetto

“TELEMETRIA SATELLITARE APPLICATA ALLA BALENOTTERA COMUNE IN MAR MEDITERRANEO:

Integrazione per marcatura Balenottere nel periodo invernale-primaverile nello Stretto di Sicilia 

IN COLLABORAZIONE TRA MATTM, INTERNATIONAL WHALING COMMISSION ED UN POOL DI ENTI DI RICERCA NAZIONALI ED INTERNAZIONALI PER LA MARCATURA ED IL MONITORAGGIO VIA SATELLITE IN TEMPO REALE DI ESEMPLARI DI BALAENOPTERA PHYSALUS

Negli oceani, le Balenottere comuni (Balaenoptera physalus) sono note per compiere migrazioni da Nord a Sud, e viceversa, per migliaia di miglia; ma se nel Mediterraneo questi giganteschi mammiferi marini facessero altrettanto è rimasto, fino ad oggi, una mera ipotesi da dimostrare.

Era già noto che, dalla tarda primavera alla fine dell’estate, questi cetacei si concentrano nelle acque del  Santuario Pelagos, la grande area marina protetta istituita da Italia, Francia e Principato di Monaco e compresa tra mar Ligure, mar di Corsica e Tirreno settentrionale; ma dove fossero in inverno, finora era solo oggetto di speculazione. 

Al fine di scoprire le rotte della migrazione delle Balenottere comuni del Mediterraneo, la Direzione Generale per la Protezione della Natura e del Mare del MiATTM, nel quadro dell’implementazione nazionale dell’Accordo ACCOBAMS (www.accobams.org), ha commissionato e finanziato all’International Whaling Commission (IWC) il progetto Telemetria satellitare applicata alla Balenottera comune in Mar Mediterraneo: integrazione per marcatura Balenottere nel periodo invernale-primaverile nello Stretto di Sicilia”.

 

Il progetto è stato commissionato al fine di ottenere specifici dati ed informazioni su spostamenti ed eventuali migrazioni delle Balenottere comuni, nonché sui loro habitat nelle acque circostanti l’Isola di Lampedusa, ed al fine di verificare e confermare i precedenti, esigui dati di avvistamento nonché, soprattutto, per correlare tali informazioni con quelle già rilevate nel Mediterraneo nord-occidentale nell’area del Santuario Pelagos.

Il progetto è mirato in particolare all’acquisizione di informazioni in un’area, a sud della Sicilia, caratterizzata dalla presenza di B. physalus ed altre specie di Cetacei, anche allo scopo di verificare la possibile individuazione di settori del Mar Mediterraneo che possano necessitare di strumenti di tutela e protezione mirate, e per l’identificazione di minacce e la potenziale conseguente implementazione di misure di mitigazione di esse. In particolare, le acque dell’Isola di Lampedusa sono ritenute essere un’area di alimentazione invernale per le Balenottere, che si alimentano in superficie grazie all’abbondanza di Eufasiacee (krill) appartenenti alla specie Nyctiphanes couchii, diversa da quella del Mar Ligure (Meganyctiphanes norvegica).

Prefiggendosi anche di fornire supporto all’attuazione da parte dell’Italia della Direttiva 2008/56/EC (Direttiva Quadro per la Strategia Marina, MSFD) per le attività di monitoraggio finalizzate al raggiungimento del Good Environmental Status dei mari italiani, il progetto si è avvalso della collaborazione di ricercatori dell’Istituto Tethys, dell’ISPRA, dell'Università di Siena, dell’Area Marina Protetta Isole Pelagie e del NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration degli USA); la ricerca, autorizzata da parte degli Uffici competenti, è condotta nel rispetto dei criteri, legali ed etici, del benessere animale.

Già nel marzo 2013, nell’ambito di tale progetto, erano stati eseguiti impianti di tags su 3 esemplari di Balenottera comune in tali acque, che avevano fornito dati via satellite per un periodo minore (ca. 2 settimane) attestando che gli esemplarierano rimasti in prossimità della costa meridionale di Lampedusa, ad una distanza compresa tra 30-50 miglia dalla costa, impegnati per il 75-80% del loro tempo in attività di alimentazione (ARS), comprovando che l’area di mare oggetto di studio ricopre un ruolo rilevante in termini di alimentazione per le balenottere presenti.

Nel marzo 2014 non era stato possibile marcare alcun esemplare di Balenottera comune, date le particolari avverse condizioni meteomarine incontrate nell’area e nel periodo oggetto di studio, che avevano fortemente condizionato i tempi di permanenza in mare, le possibilità di avvistamento delle Balenottere, la praticabilità della marcatura mediante i previsti trasmettitori satellitari: è noto che il Canale di Sicilia, nei mesi invernali, è caratterizzato da condizioni meteo marine avverse, e di grande variabilità spazio-temporale; in particolare, la zona marina circostante l’Isola di Lampedusa non presenta alcun riparo dai venti prevalenti, con conseguente incremento del moto ondoso anche sottocosta paragonabile all’alto mare. 

Il 14 marzo 2015, finalmentesono stati impiantati nuovi trasmettitori satellitari a 2 esemplari di Balenottera; il Dott. Greg Donovan (Head of Science dell’International Whaling Commission -IWC- e Coordinatore Scientifico del progetto) ed il DottSimone Panigada (co-responsabile del progetto per l’Istituto Tethys) riferiscono che:

Gli esemplari marcati quest’anno sono rimasti attorno a Lampedusa per un paio di settimane, muovendosi tra l’isolotto di Lampione, la secca di Levante e la costa Tunisina, nutrendosi in superficie dello zooplancton che in inverno si trova in abbondanza nelle acque dello Stretto di Sicilia. Il 1 aprile, le 2 Balenottere si sono separate: una delle 2 si è diretta a Nord, costeggiando il lato sud-occidentale della Sicilia per poi raggiungere il Tirreno, passando ad Est della Sardegna. L’altra invece ha continuato a nutrirsi per alcuni giorni nella zona della piattaforma Tunisina, per poi dirigersi anche lei verso il mar Tirreno, portandosi rapidamente a Nord, e si trova attualmente al largo di Capo Corso, in pieno Santuario Pelagos.”

Questa inedita informazione, ottenuta con il tracking satellitare, dimostra che alcune delle Balenottere avvistate in inverno nel Canale di Sicilia possono essere le stesse che si concentrano in tarda primavera nel Santuario Pelagos, nel Mediterraneo nord-occidentale: la finalmente certificata connessione tra le Balenottere di Lampedusa e quelle che trascorrono l’estate nelle acque del Santuario Pelagos dimostra, per la prima volta scientificamentel’esistenza di movimenti stagionali molto estesi e definiti di questi mammiferi marini attraverso il Mediterraneo, anche al di fuori del Santuario Pelagos ed in correlazione con esso.

 

La realizzazione di questo progetto riafferma la già raggiunta posizione di leadership  dell’Italia quale Paese attuatore nel Mediterraneo della specifica metodica analitica, all’avanguardia nel gruppo dei 23 Paesi Contraenti l’Accordo ACCOBAMS: da sottolineare inoltre la rilevanza costituita dall’International Whaling Commission quale Soggetto esecutore dell’attività di ricerca, rappresentando tale Organismo internazionale il più elevato consesso riconosciuto in materia di studio e conservazione dei cetacei.

Crediti fotografici: Tethys Research Institute

Sottocategorie